Casella di testo:                                Il male radicale di Mario Palmaro 

Un pugno di abili politici e di intellettuali agguerriti ha trasformato il senso comune della nostra società. Chi sono, come agiscono e che cosa vogliono. Questo articolo vi spiega perché l'ideologia radicale rappresenta il pericolo numero uno del Terzo Millennio. 

Lo Stato del Vaticano ha significato l'uso dell'aspersorio per benedire il manganello. Il manganello contro la scienza, la coscienza, la democrazia, la tolleranza. Il manganello, se non peggio, contro le vite di milioni di persone contro la Vita, con la v maiuscola. Lo Stato Città del Vaticano va cancellato con procedure di diritto, legali, giuridiche, popolari, democratiche, in tutto il mondo». Non c'è che dire: un bel progetto politico all'insegna della tolleranza e della non violenza. 

Correva il 27 novembre del 2000 - dunque era l'anno del grande Giubileo  quando Marco Pannella, leader storico dei radicali, affidava alle agenzie di stampa questo farneticante comunicato. Attenzione: non una sortita isolata ma l'ennesima provocazione di un personaggio e di un movimento politico sempre uguale a sé stesso, coerentemente schierato sulle medesime posizioni. In un'epoca in cui l'uomo medio  sia esso un cittadino tranquillo o un importante leader politico  soffre di amnesia cronica, non guasterà rinfrescarsi la memoria e riflettere insieme sul "patrimonio" storico del fenomeno radicale, in Italia e nel mondo. 

Un'azione politica devastante 

Ma chi sono veramente i radicali? Per valutare il fenomeno, partiamo dai fatti: politici e intellettuali radicali rappresentano una piccola pattuglia di agguerriti combattenti che, nell'arco di mezzo secolo, sono riusciti a imprimere una svolta decisiva al costume del nostro Paese. In Italia, il partito radicale nasce a Roma nel 1955, da una costola del Partito Liberale. Vi confluiscono ex azionisti, collaboratori del "Mondo", intellettuali e giornalisti dell'area laica e della sinistra liberale: Mario Pannunzio, Ernesto Rossi, Leo Valiani, Marco Pannella, Eugenio Scalfari. 

Fin dall'inizio, il gruppo dimostra una diversità evidente rispetto alle altre forze politiche: sembra del tutto marginale per quantità di consensi e per mezzi a disposizione, quasi un'avventura intellettuale destinata a rimanere rinchiusa nei salotti e nei circoli più esclusivi. Ma non è così. A cinquant'anni esatti dalla nascita il bilancio della cultura radicale è clamorosamente in attivo. Può vantare alcune vittorie evidenti - la legalizzazione del divorzio e dell'aborto e cimentarsi con fiducia in altre campagne di lunga durata dall'esito ancora incerto: le droghe libere e l'eutanasia fai da te. 

Ma il successo più importante è quello che si vede di meno: la trasformazione progressiva della cultura dominante, del senso comune, dei criteri di giudizio dell'uomo della strada. Che in genere non vota radicale e non ama gli eccessi dei suoi istrionici protagonisti; ma che assumendo a piccole dosi il veleno distillato dal nichilismo libertario, intossica la propria coscienza e si ritrova trasformato senza nemmeno rendersene conto. Oggi i punti fondamentali dell'ideologia radicale sono assunti pacificamente come programma politico dei partiti post comunisti  giustamente ridefinti "partiti radicali di massa ma hanno attecchito anche in significative fette della cultura liberale moderata. 

La strategia dei radicali 

I personaggi carismatici di questo movimento sono stati capaci di inserirsi in tutti gli sno­di cruciali della nostra storia recente, tanto che spesso la documentazione fotografica che la correda ha per protagonisti i volti di Marco Pannella e di Emma Bonino. Dal dibattito sul divorzio al referendum abrogativo promosso da Gabrio Lombardi; dalla campagna per l'aborto libero al referendum del 1981; dallo spaccio in diretta Tv di droghe ai reiterati scioperi della fame e della sete: i ra­dicali hanno saputo prendersi tutta la luce dei riflettori, scandalizzando l'opinione pubblica, e conducendola dalla reazione infastidita alla progressiva accettazione delle idee libertarie e antiproibizioniste. I radicali utilizzano con grande maestria alcune tecniche di combattimento. Vediamo le principali. 

a. In medio stat malus. I radicali si collocano sistematicamente nel punto più estremo di un dibattito, per creare uno sbilanciamento della situazione e far cadere l'opinione pubblica in un effetto ottico distorsivo. Un esempio per capirei: in una società che ripudia l'aborto vietandolo per legge, i radicali ne invocano la totale liberalizzazione. 

A quel punto, le forze politiche tradizionali si mobilitano per affermare che il fenomeno "va regolamentato" e consentito "solo in certi casi". 

La gente vede così davanti a sé due estremismi  no al'aborto sempre/sì all'aborto sempre - e con­clude che la posizione mediana  sì all'aborto in certi casi  sia quella saggia. È un modello che può essere ripetuto infinite volte, spostando a ogni passo la posizione "mode­rata" sempre più verso l'obiettivo finale dei radicali: la totale rimozione della percezione del bene e del male nella società. 

b. La provocazione come stile di vita. I radicali usano candidare personaggi eccentrici. Non soltanto per attirare l'attenzione dei mass media, ma soprattutto per rendere normale ciò che è anormale. 

La pornostar in parlamento serve a "sdoganare" un fenomeno imbarazzante, a superare ogni ver­gogna e ogni pudore, a rimescolare le categorie del bene e del male in un colossale calderone dialettico dove la verità scompare nel vortice della provocazione più sguaiata e dissacrante. 

c. Il disprezzo per l'ordine costituito. I radicali ricorrono frequentemente alla violazione plateale della legge, per forzare la mano del legislatore e instillare nell'uomo della strada una nuova idea di diritto: si deve rendere lecito ciò che accade nella prassi. Per cui sono le medie statistiche e le condotte - anche di sparute minoranze  a determinare ciò che lo Stato deve o non deve permettere. 

d. La capacità di affascinare gli avversari. I radicali sono l'unica forza politica che ottiene sempre e comunque l'onore delle armi. Anche coloro che si dichiarano in disaccordo con Pannella & C. ammettono sempre che, sì, siamo di fronte a uomini che combattono per ragioni ideali di alto valore morale. 

In questo modo, le istanze radicali sono avvolte da un alone di rispettabilità che le rafforza e le porta ad affermarsi nel lungo periodo. Gli appelli a por fine ai digiuni del guru radicale sono piccoli trionfi dell'ipocrisia generale, che tuttavia rafforzano l'autorevolezza mediatica del personaggio, percepito dalla gente come un martire laico senza macchia, vittima del sistema partitocratrico corrotto. 

I contenuti della ideologia radicale 

Tanta astuzia sul piano strategico serve allo scopo di veicolare una serie di contenuti ben precisi, riassumibili nell'idea assai demagogica che "è vietato vietare". Rivestita però dei panni rispettabili di una borghesia operosa e onesta, che chiede solo di non essere disturbata da fastidiose istanze mo­rali e religiose. Ecco una sintesi del "manifesto" radicale: 

a. La scelta è già etica. Non conta il contenuto dell'azione, ma è sufficiente garantire al singolo di scegliere liberamente che cosa fare. Il bene e il male diventano opinioni, gli assoluti morali scompaiono. 

b. Diritto e morale non hanno nulla in comune. Dunque, le leggi degli Stati sono ispirate al più grigio positivismo giuridico. Le democrazie sono ridotte a procedure, a regolamenti di condominio nazionale. 

c. Politeismo morale. Ogni sistema morale è parimenti valido. 

E, dunque, nessuno può pretendere di essere vero e giusto per disciplinare le relazioni tra i consociati. 

d. Ostilità dichiarata verso la Chiesa. Il cattolicesimo è il nemico da battere, proprio perché afferma la connessione inscindibile tra vita e fede, tra singolo e società. 

e. Individualismo nichilista. Ogni singolo è un'isola, occupa una sfera chiusa dentro la quale ognuno può fare ciò che gli aggrada fare la rivoluzione nel cuore dell'uomo. Questo è, di tutti gli aspetti della cultura radicale, il più diabolico. Pur nascendo a sinistra  si apostrofano tra loro con l'appel­lativo di "compagni"  i radicali non sono marxisti. 

A differenza del pensiero comunista, i radicali portano l'azione rivoluzionaria nel cuore di ogni singolo uomo. È conquistando il suo territorio più intimo, solleticando la sua concupiscenza, separandolo dalle agenzie educative (la famiglia su tutte) e dal Magistero della Chiesa che i radica­li intendono condurlo lontano dalla verità e da Dio. 

Per portarlo in un mondo agghiacciante, dove come nel Paese dei balocchi di Collodi  si fa ciò che si vuole e non esistono né maestri, né doveri, né sanzioni. Ma dove ogni uomo è, disperatamente, so­lo con la sua miseria. 



© Il Timone