Casella di testo: Il paese dei balocchi

 Nell'odierna civiltà dell'apparire molti di noi, nella continua ricerca del benessere e del piacere ad ogni costo, sono talmente ripiegati su se stessi, da essere incapaci di aprirsi all'amore di Dio.
I ritmi frenetici, i falsi valori, le distrazioni, lo stress e le nevrosi sempre dietro l'angolo, hanno fatto perdere il vero, supremo senso della vita; non si sa più perché si esiste, ne dove si va.
Non c'è più tempo  per la preghiera, ma detto tra noi, se veramente si vuole, il tempo lo si trova.
Si pensi solo a quante ore si trascorrono davanti al televisore che, ci scarica addosso una miriade di oscenità e messaggi distorti;
a quanto tempo si spreca a leggere giornali e riviste, piene di banalità e vanità mondane;
a quanto tempo si perde in futili ed inutili discussioni.
Non ci sono scusanti: …è questione di volontà!
Al tramonto della vita, così trascorsa: nell'illusione, si lascia dietro di se, mille ambizioni miseramente sciolte e sogni svaniti, ritrovandosi solo con un pugno di cenere tra le mani.
Solo nella preghiera si fa esperienza di Dio Vivo che parla ai nostri cuori e, questo incontro bisogna cercarlo con tutta l'anima.
 
Quanti, pur definendosi cristiani, partecipano alla S. Messa con vera devozione filiale;
quanti non credono più all'esistenza dell'inferno, considerandola una favoletta inventata dalla Chiesa;
quanti ancora, considerano il S. Rosario una preghiera ripetitiva e sorpassata, affermando che basta anche solo una preghiera, sminuendo o persino negando, i continui appelli della Madre di Dio (nelle ultime sue apparizioni a Lourdes, Fatima e Medjugorje) che, raccomanda vivamente tale encomiabile pratica, …ma pregando con tutto il cuore e, soprattutto in famiglia.
Poi, si rimane sbigottiti nell'osservare: la società in bilico e sull'orlo di una crisi di nervi;
tante famiglie traballanti, sotto i "precisi e ben assestati" colpi sferrati dalla cultura dominante trasgressiva e, …di morte;
tantissimi giovani, sempre più disorientati ed abbagliati dalle false luci, i quali non trovano niente di meglio da fare, eccetto che dimenarsi tra dissipazioni e ubriachezze nelle discoteche (veri templi delle tenebre!), …mettendo a repentaglio la propria e l'altrui esistenza;
i bambini (…futura generazione!), che crescono alla scuola perversa di personaggi di dubbia moralità, proposti con insistenza dai moderni strumenti di comunicazione di massa, …invece di apprendere dal Divin Maestro: Via, Verità e Vita!
 
Dio è infinito e, sceglie le cose piccole ed inutili per rivelarsi all'uomo, nel raccoglimento dell'anima.
Proprio nel S. Rosario sembra verificarsi la sublime esortazione evangelica di Gesù: "Solo chi si farà piccolo come uno di questi fanciulli entrerà nel Regno dei cieli" (Mt. 18,3).
Nel momento in cui si comprende il vero valore del Santo Rosario, è segno che nella nostra vita si è fatta una grande conquista, …si riesce a valorizzare  molto di più le cose piccole e semplici.
Allora perché continuare a percorrere la via dell'errore?! Seguiamo invece la Vergine Maria, Madre premurosa di tutti noi, lungo il sentiero della benignità, della vera ricchezza, della mansuetudine e della vera pace.
La nostra vita non sarà più la stessa!