Discorsi faziosi 

 

Il cristianesimo è vita, quella che in tanti purtroppo non conoscono, non immaginano nemmeno, abbagliati come sono dal futile, dal superficiale e dall'inutile.


Potremmo stare secoli a parlare di Gesù Cristo e del suo messaggio, ...ma se i cuori sono chiusi alla grazia, non c'è campana che tenga, ...si continuerà ad obiettare e svincolarsi ponendo mille contraddizioni pur di non ammettere la Verità  ...poiché questa spesso fa male, ...si vive troppo bene nel proprio stato inerte.

 

Il confronto col Cristo richiede fatica e revisione totale del proprio modo di vivere

(...ma ampiamente ricompensato col centuplo in grazie e gioia interiore già nel tempo presente), ...meglio starsene alla finestra ...dar contro la Chiesa, ...ma chi non è fazioso e in malafede, sa bene che la Chiesa è santa e peccatrice: santa nella sua parte trionfante (angeli e santi) peccatrice nella sua parte terrena (Papa, vescovi e sacerdoti), e per questo continuerà a frequentare i sacramenti, anche se il comportamento del prete lascia a desiderare, ...poiché non è il prete che confessa o impartisce i sacramenti, ma Cristo Stesso per mezzo del prelato.

Si preferisce mescolare filosofie e stili di vita sbiaditi ed insipidi ...pur di continuare a gongolarsi nei propri schemi antiquati ...e senza via d'uscita.
Diceva S. Agostino: ‘Temo il Signore che passa’ (...forse non ci sarà una prossima volta!).

 

 

 

 

 

 

© Comeunafonte