Casella di testo:        

  Il ‘Codice Da Vinci’: ma la storia è un’altra cosa di Massimo Introvigne

Immaginiamo questo scenario. Esce un romanzo in cui si afferma che il Buddha, dopo l'illuminazione, non ha condotto la vita di castità che gli si attribuisce, ma ha avuto moglie e figli. Che la comunità buddhista dopo la sua morte ha violato i diritti della moglie, che avrebbe dovuto essere la sua erede. Che per nascondere questa verità i buddhisti nel corso della loro storia hanno assassinato migliaia, anzi milioni di persone. Che un santo buddhista scomparso da pochi anni - che so, un Daisetz Teitaro Suzuki (1870-1966) - era in realtà il capo di una banda di delinquenti. Che il Dalai Lama e altre autorità del buddhismo internazionale operano per mantenere le menzogne sul Buddha servendosi di qualunque mezzo, compreso l'omicidio. Pubblicato, il romanzo non passa inosservato. Autorità di tutte le religioni lo denunciano come un'odiosa mistificazione anti-buddhista e un incitamento allo scontro fra le religioni. In diversi paesi la sua pubblicazione è vietata, fra gli applausi della stampa. Le case cinematografiche, cui è proposta una versione per il grande schermo, cacciano a pedate l'autore e considerano l'intero progetto uno scherzo di cattivo gusto.
Lo scenario non è vero, ma ce n'è uno simile che è del tutto reale. Solo che non si parla di Buddha, ma di Gesù Cristo; non della comunità buddhista, ma della Chiesa cattolica; non di Suzuki e del suo ordine zen ma di san Josemaría Escrivá (1902-1975) e dell'Opus Dei da lui fondata; non del Dalai Lama ma di Giovanni Paolo II. Il romanzo in questione ha venduto tre milioni e mezzo di copie negli Stati Uniti, è sbarcato anche in Italia e la Sony ne sta traendo un film, che sarà diretto da Ron Howard e per cui è già cominciata una propaganda internazionale. Come è stato correttamente osservato dallo storico e sociologo americano Philip Jenkins, il successo di questo mediocrissimo prodotto è solo un'altra prova del fatto che l'anti-cattolicesimo è "l'ultimo pregiudizio accettabile" (è il titolo di un libro di Jenkins: The New Anti-Catholicism. The Last Acceptable Prejudice, Oxford University Press, New York 2003).
Il Codice Da Vinci (trad. it., Mondadori, Milano 2003) mette in scena una caccia al Santo Graal. Quest'ultimo - secondo il romanzo - non è, come la tradizione ha sempre creduto, una coppa in cui fu raccolto il sangue di Cristo, ma una persona, Maria Maddalena, la vera "coppa" che ha tenuto in sé il sang réal (in francese antico il "sangue reale", da cui "Santo Graal"), cioè i figli che Gesù Cristo le aveva dato. La tomba perduta della Maddalena è dunque il vero Santo Graal. Apprendiamo inoltre che Gesù Cristo aveva affidato una Chiesa che avrebbe dovuto proclamare la priorità del principio femminile non a san Pietro ma a sua moglie, Maria Maddalena, e che non aveva mai preteso di essere Dio. Sarebbe stato l'imperatore Costantino (280-337 d.C.) a reinventare un nuovo cristianesimo sopprimendo l'elemento femminile, proclamando che Gesù Cristo era Dio, e facendo ratificare queste sue idee patriarcali, autoritarie e anti-femministe dal Concilio di Nicea. Il progetto presuppone che sia soppressa la verità su Gesù Cristo e sul suo matrimonio, e che la sua discendenza sia soppressa fisicamente. Il primo scopo è conseguito scegliendo quattro vangeli "innocui" fra le decine che esistevano, e proclamando "eretici" gli altri vangeli "gnostici", alcuni dei quali avrebbero messo sulle tracce del matrimonio fra Gesù e la Maddalena. Al secondo, per disgrazia di Costantino e della Chiesa cattolica, i discendenti fisici di Gesù si sottraggono e secoli dopo riescono perfino a impadronirsi del trono di Francia con il nome di merovingi. La Chiesa riesce a fare assassinare un buon numero di merovingi dai carolingi, che li sostituiscono, ma nasce un'organizzazione misteriosa, il Priorato di Sion, per proteggere la discendenza di Gesù e il suo segreto. Al Priorato sono collegati i templari (per questo perseguitati) e più tardi anche la massoneria. Alcuni fra i maggiori letterati e artisti della storia sono stati Gran Maestri del Priorato di Sion, e alcuni - fra cui Leonardo da Vinci (1452-1519) - hanno lasciato indizi del segreto nelle loro opere. La Chiesa cattolica, nel frattempo, completa la liquidazione del primato del principio femminile con la lotta alle streghe, in cui periscono cinque milioni di donne. Ma tutto è vano: il Priorato di Sion sopravvive, così come i discendenti di Gesù in famiglie che portano i cognomi Plantard e Saint Clair.
Secondo l'autore Dan Brown quanto abbiamo riassunto fin qui rispecchia esattamente e letteralmente la realtà ed è basato su documenti inoppugnabili. La parte che anche l'autore presenta come immaginaria ipotizza che il Priorato oggi si appresti a rivelare il segreto al mondo tramite il suo ultimo Gran Maestro, un curatore del Museo del Louvre che si chiama Jacques Saunière. Per impedire che questo avvenga, Saunière e i suoi principali collaboratori sono assassinati. Uno studioso di simbologia americano, Robert Langdon, è sospettato dei crimini, ma una criptologa che lavora per la polizia di Parigi - Sophie Neveu, la nipote di Saunière - crede nella sua innocenza e lo aiuta a fuggire. Il lettore è indotto a credere che responsabile degli omicidi sia l'Opus Dei (sul cui conto si ripetono le più crude "leggende nere" - cento volte smentite, ma dure a morire - desunte dalla letteratura internazionale che la critica, esplicitamente citata), ma le cose sono più complicate. Un nuovo Papa progressista ha deciso di rescindere i legami fra la Chiesa e l'Opus Dei che risalgono a Giovanni Paolo II, e il prelato dell'Opus Dei accetta la proposta che gli proviene da un misterioso "Maestro": pagando a questo personaggio una somma immensa, potrà ricattare la Santa Sede impadronendosi delle prove del segreto del Priorato di Sion - cioè della "verità" su Gesù Cristo - e minacciando di rivelarle al mondo. Un ex-criminale ora numerario dell'Opus Dei è "prestato" al Maestro, ed è quest'ultimo che lo spinge a commettere una serie di crimini. In realtà, il "Maestro" lavora per se stesso: è un ricchissimo studioso inglese, anti-cattolico, che vuole rivelare il segreto al mondo e accusa il Priorato di tacere per timore della Chiesa. Tra morti ammazzati, enigmi e inseguimenti Robert Langdon e Sophie - tra cui nasce anche l'inevitabile storia d'amore - finiscono per scoprire la verità: la tomba della Maddalena è nascosta sotto la piramide del Louvre, voluta dall'esoterista e massone presidente francese François Mitterrand (1916-1996), ma il sang réal scorre nelle vene della stessa Sophie, che è dunque l'ultima discendente di Gesù Cristo.
Solo la diffusa ignoranza religiosa spiega come qualcuno possa prendere sul serio un tale cumulo di affermazioni a dir poco ridicole. Ci sono testi del primo secolo cristiano dove Gesù Cristo è chiaramente riconosciuto come Dio. All'epoca del Canone Muratoriano (che risale circa al 190 d.C.) il riconoscimento dei quattro Vangeli come canonici e l'esclusione dei testi gnostici era un processo che si era sostanzialmente completato, novant'anni prima che Costantino nascesse. La cifra di cinque milioni di streghe bruciate dalla Chiesa cattolica è del tutto assurda, e Brown si dimentica del fatto che nei paesi protestanti la caccia alle streghe è stata più lunga e virulenta che in quelli cattolici. L'idea stessa di un "codice Da Vinci" nascosto nelle opere dell'artista italiano è stata definita "assurda" dalla professoressa Judith Veronica Field, docente alla University of London e presidentessa della Leonardo Da Vinci Society (cfr, fra i molti riferimenti, Gary Stern, "Expert Dismiss Theories in Popular Book", The Journal News, 2.11.2003). A fronte di questi svarioni, quello del traduttore italiano che chiama la torre dell'orologio del parlamento inglese "Big Bang" invece di "Big Ben" (p. 438) sembra quasi un peccato veniale. Inoltre, chi conosca un poco la storia delle mistificazioni sul Graal sa che nel Codice Da Vinci c'è ben poco di nuovo: tutto è già stato detto in centinaia di libri su Rennes-le- Château, e - benché il nome di questa località francese non sia mai menzionato nel romanzo di Brown - i cognomi Saunière e Plantard fanno chiaramente riferimento alle stesse vicende.
Rennes-le-Château è un paesino francese del dipartimento dell'Aude, ai piedi dei Pirenei orientali, nella zona detta del Razès. La popolazione si è ridotta a una quarantina di abitanti, ma ogni anno i turisti sono decine di migliaia. Dal 1960 a oggi a Rennes-le-Château sono state dedicate oltre cinquecento opere in lingua francese, almeno un paio di best seller in inglese e un buon numero di titoli anche in italiano. Se ne parla anche in film, e in fumetti di culto, come Preacher o The Magdalena. Il paesino si trova all'interno di quel "paese cataro", cioè della zona dove l'eresia dei catari ha dominato la regione ed è sopravvissuta fino al XIII secolo, che una sapiente promozione ha reso in anni recenti una delle più ambite mete turistiche francesi. Rennes-le-Château rimarrebbe però una nota a piè di pagina nel ricco turismo "cataro" contemporaneo se del paese non fosse diventato parroco, nel 1885, don Berenger Saunière (1852-1917). È a lui che fanno riferimento tutte le leggende su Rennes-le-Château. 
Il parroco Saunière era soprattutto un personaggio bizzarro. Nel 1909 si rifiuta di trasferirsi in un'altra parrocchia e nel 1910, dopo avere perso un processo ecclesiastico, subisce una sospensione a divinis. Pure privato della parrocchia, rimane fino alla morte nel paese, che aveva arricchito con nuove costruzioni - fra cui una curiosa "torre di Magdala" - e scandalizzato con una serie di scavi nella cripta e nel cimitero, alla ricerca non si sa bene di che cosa. Diventato più ricco di quanto fosse consueto per un parroco di campagna, si favoleggia che abbia trovato un tesoro. Tutto poteva spiegarsi, peraltro - come sospettava il suo vescovo - con un meno romantico traffico di donazioni e di messe. In epoca recente si è sostenuto che Saunière avesse scoperto nella cripta importantissimi manoscritti antichi, ma quelli che sono emersi sono falsi evidenti del XIX se non del XX secolo. È possibile che - nel corso dei lavori per restaurare la chiesa parrocchiale (un'attività che va in ogni caso ascritta a merito dell'originale parroco) - don Saunière avesse scoperto qualche reperto di epoca medioevale, ma in ogni caso non in quantità sufficiente da arricchirsi. Si continua a ripetere anche che Saunière sarebbe stato in rapporti con ambienti esoterici di Parigi, ma le prove addotte non permettono di formulare alcuna conclusione sicura. La figura di Saunière non è priva di interesse, e le sue costruzioni mostrano che si trattava di un uomo singolarmente attento alle allegorie e ai simboli, forse con qualche reale interesse esoterico, sulla scia di una tradizione locale. Ma nulla di più ha mai potuto essere provato.

La leggenda di Saunière non sarebbe continuata nel tempo se la sua perpetua, Marie Denarnaud (1868-1953) - cui il sacerdote aveva intestato le proprietà e le costruzioni di Rennes-le-Château, per sottrarle al vescovo con cui era in conflitto - non avesse continuato per anni, anche per incoraggiare eventuali acquirenti, a favoleggiare di tesori nascosti. E se un altro personaggio, Noel Corbu (1912-1968), dopo avere acquistato dalla Denarnaud le proprietà dell'ex-parroco per trasformarle in ristorante, non avesse cominciato, a partire dal 1956, a pubblicare articoli sulla stampa locale dove - animato certo anche dal legittimo desiderio di attirare turisti in un borgo remoto - metteva i presunti "miliardi" di don Saunière in relazione con il tesoro dei catari.
Negli anni 1960 le leggende diffuse da Corbu su scala locale acquistano fama nazionale dopo avere attirato l'attenzione di esoteristi - fra cui Pierre Plantard (1920-2000), che aveva animato in precedenza il gruppo Alpha Galates - e di giornalisti interessati ai misteri esoterici come Gérard de Sède, che pubblica nel 1967 L'or de Rennes. Tre autori inglesi di esoterismo popolare - Michael Baigent, Richard Leigh e Henry Lincoln - si incaricheranno di elaborare ulteriormente le sue idee, trasformandole in una vera industria editoriale (grazie anche alla BBC, che batte la grancassa) avviata con la pubblicazione, nel 1979, de Il Santo Graal. Secondo de Sède e i suoi continuatori inglesi, il parroco aveva scoperto il segreto di Rennes-le-Château, dove sarebbe depositato non solo un tesoro favoloso - variamente attribuito al tempio di Gerusalemme, ai visigoti, ai catari, ai templari, alla monarchia francese, e cui il sacerdote avrebbe attinto solo per una piccola parte -, ma anche - rivelato dalle presunte pergamene ritrovate da don Saunière, dalle iscrizioni del cimitero, dalle forme stesse degli edifici e di quanto si trova nella chiesa parrocchiale - un tesoro di tipo non materiale, la verità stessa sulla storia del mondo. Nel paesino pirenaico esisterebbero i documenti in grado di provare che Gesù Cristo - verità accuratamente nascosta dalla Chiesa cattolica - aveva avuto figli da Maria Maddalena, che questi figli portano in sé il sangue stesso di Dio e che pertanto hanno il diritto di regnare sulla Francia e sul mondo intero. Che il Santo Graal sarebbe, più propriamente, il sang réal, il "sangue reale" dei discendenti fisici di Gesù Cristo, è affermato da quando Plantard entra nella storia di Rennes-le-Château. Il Codice Da Vinci si limita a ripetere questa affermazioni. Per prudenza, afferma Plantard, la discendenza dei merovingi da Gesù Cristo sarebbe sempre stata mantenuta come un segreto noto a pochi. Ma i catari, i templari, i grandi iniziati - dallo stesso Saunière al pittore Nicolas Poussin (1594-1655), il quale ne avrebbe lasciato una traccia nel suo famoso quadro del Louvre I pastori di Arcadia, che raffigurerebbe precisamente il panorama di Rennes-le-Château - hanno custodito il segreto come cosa preziosissima, lasciando trapelare di tanto in tanto qualche indizio.
Oggi, naturalmente, un Priorato di Sion esiste. È fondato nel 1972 da Pierre Plantard (che si fa chiamare anche "Plantard de Saint Clair", inventandosi un titolo nobiliare di fantasia che è alle origini delle affermazioni de Il Codice Da Vinci secondo cui anche "Saint Clair" è un cognome "merovingio"), con tanto di atto notarile e carte da bollo. Plantard ha lasciato intendere di essere egli stesso un discendente dei merovingi e il custode del Graal. La prova che il Priorato esiste da mille anni dovrebbe consistere nel nome di un piccolo ordine religioso medievale chiamato Priorato di Sion. Questo è effettivamente esistito (e finito), ma non c'entra nulla né con i merovingi né con presunti discendenti di Gesù Cristo. È difficile non concludere che il collegamento fra Rennes-le-Château, i merovingi e il Priorato di Sion è puramente leggendario, e che il Priorato è un'organizzazione esoterica le cui origini non vanno al di là dell'esperienza di Plantard e dei suoi collaboratori. Non è esistito nessun Priorato di Sion (nel senso in cui oggi se ne parla) prima dell'arrivo di Plantard a Rennes-le-Château. Ora, naturalmente esiste: ma solo dal 1972.
Nella prima pagina de Il Codice Da Vinci si afferma che tutta la storia è confermata da documenti inoppugnabili ritrovati nel 1975 nella Biblioteca Nazionale di Parigi. I documenti, però, sono stati "ritrovati" dalle stesse persone che li avevano nascosti nella Biblioteca Nazionale di Parigi: Plantard e i suoi amici. Ed è certissimo che non si tratta di documenti antichi ma di falsi moderni. Nessun "documento", dunque. Solo fantasie anti-cristiane, buone per vendere romanzi più o meno mal scritti, ma che dal punto di vista storico devono essere considerate autentica spazzatura.

                 Il Codice Da Vinci: come ingannare i lettori

Nella mia candida ingenuità ho sempre avuto un certo rispetto per “teste pensanti” del calibro di Agostino d’Ippona, Tommaso d’Aquino, Teresa d’Avila e Teresa di Lisieux, Tommaso Moro, Blaise Pascal, Francesco di Sales, Henry Newman, Romano Guardini, Edith Stein, Marshall Mac Luhan (ne cito a getto solo alcuni); ho provato un senso di inadeguatezza e di ammirazione nei confronti di scrittori quali Dante Alighieri, Alessandro Manzoni, Charles Péguy, Gilbert Keith Chesterton, Flannery O’ Connor, Thomas Stearns Eliot, Clemente Rebora, Giuseppe Ungaretti...; ho guardato con devozione alle grandi figure di Francesco d’Assisi, Antonio da Padova, Caterina da Siena, Filippo Neri, Giovanni Bosco, Piergiorgio Frassati, Faà di Bruno, Massimiliano Kolbe, Padre Pio da Pietrelcina, Teresa di Calcutta, Karol Woityla... 
Ma oggi, grazie alle rivelazioni di un libro che sembra aver successo anche tra alcuni cattolici (“Il codice da Vinci”), devo concludere che la mia fiducia, la mia venerazione, la mia ammirazione erano mal riposte, e che tutti i succitati signori si sono nutriti di “allegorie” e “metafore” (come il parto verginale della Madonna, o Gesù che cammina sulle acque). Hanno cioè dato coscientemente per vera una realtà “falsa”, solo perché l’allegoria religiosa li aiutava ad “affrontare la vita e ad essere migliori”. “Coloro che comprendono veramente la loro fede sentenzia il libro - sanno che queste storie sono metafore”. Insomma, questi grandi geni del pensiero e della storia umana sono stati dei mentitori (a se stessi e agli altri) o nella migliore delle ipotesi dei cretini. 
Ora, il problema è che nella lista (fatte le dovute differenze) mi ci dovrei mettere anch’io e tanta altra gente che conosco. E io non mi sento né mentitore né cretino. Allora forse il problema è da un’altra parte; forse qualcosa di storto sta proprio nel libro di cui si parla.
In realtà “Il codice da Vinci” è solo un altro dei tanti tasselli di un mosaico costruito pezzo per pezzo da un potere mondiale che deve distruggere il Cristianesimo nel cuore e nelle menti della gente. Perché la fede in Gesù Cristo rende liberi, mentre il potere ha bisogno di mezzi uomini da dominare. 
Come in tanti altri libri, e in tanti film che girano (vi segnalo, ma solo se ve la sentite di sobbarcarvi la fatica, una autentica porcheria intitolata “Stigmate”), si parte da questo assunto: il Cristo dei Vangeli non corrisponde al “vero Cristo”; il Nuovo Testamento è “basato su falsificazioni”; da qualche parte “qualcuno” (che di solito abita in Vaticano, è un cardinale e magari ha un cognome tedesco) tiene segreto qualche scottante antico manoscritto dove si potrebbe leggere “l’altra storia di Cristo”, quella che il potere ecclesiastico non ha interesse a mostrare. Ossessionati, non si sa quanto autenticamente, da questo presunto documento (un po’ come gli evoluzionisti, che cercano da un secolo e mezzo l’“anello mancante” dell’evoluzione umana senza trovarlo ancora), questi campioni della logica e della verità finiscono col credere di averlo trovato e accusano gli altri di creduloneria.
Un po’ come quelli che sono convinti dell’esistenza degli UFO e che sulla base di questa loro convinzione interpretano alcuni passi della Bibbia (per cui magari il carro di Elia assomiglia all’astronave extraterrestre che si sono creati nella loro fantasia). Atteggiamento singolare e di certo poco sano. 
Ma non voglio sostenere che costoro siano dei pazzi. Come ho detto prima, fanno parte di un disegno ben preciso, che è quello di distruggere la fede cristiana. Vanno a colpire persone che hanno un’ignoranza spaventosa in materia di religione e che non hanno ben chiara l’essenza stessa del cristianesimo. Diffamano gli Apostoli e i loro successori, perché nel cuore dei credenti attecchisca il dubbio. In un secondo momento, quando avranno definitivamente creato un vuoto nelle coscienze, insinueranno la “loro” religione, funzionale al potere che li finanzia. Già, perché non dimentichiamoci mai che per fare un film o per pubblicare un libro ci vuole sempre qualcuno che metta a disposizione i capitali; cioè ci vuole qualcuno che abbia il potere. E questo qualcuno chiede qualcosa in cambio. 
Io credo che operazioni di tal genere vadano giudicate e valutate con un certo rigore da un cristiano. E che sia ora, una buona volta, di attrezzarci culturalmente a sostenere una vera e propria battaglia che altri, non noi, hanno iniziato. Chi ha letto questo libro e ne è rimasto acriticamente affascinato, deve farsi un doveroso esame di coscienza e impegnarsi a leggere qualcosa che lo possa aiutare. Mi permetto di suggerire “L’essenza del cristianesimo” di Romano Guardini (Morcelliana). Tanto per non provare più quella sensazione di disagio quando qualcuno, che si spaccia per sapiente, ci dà dei mentitori o dei cretini.

                                           Comunicato stampa 

Riportiamo un comunicato stampa dell'Ufficio Informazioni dell'Opus Dei a Roma, diffuso il 14 febbraio, riguardo al film "Il Codice da Vinci". "Ribadiamo quanto dichiarato lo scorso 12 gennaio: non abbiamo intenzione di polemizzare, non ci sarà nessun boicottaggio né simili. Proseguiremo con un atteggiamento di trasparenza, serenità e spirito costruttivo".

Ufficio Informazioni dell'Opus Dei a Roma
14 Febbraio 2006

Riceviamo in questi giorni diverse domande a proposito del film sul Codice Da Vinci. 

Il Codice Da Vinci offre un’immagine deformata della Chiesa Cattolica. La diffusione del libro e del film rappresenta un’opportunità di mostrare la realtà autentica della Chiesa. Nell’enciclica Deus Caritas est, Benedetto XVI ha sottolineato che la carità è un tratto essenziale della Chiesa: “Amore è il servizio che la Chiesa svolge per venire costantemente incontro alle sofferenze e ai bisogni, anche materiali, degli uomini” (n. 19). 

Di conseguenza, questo può essere un momento adatto per far conoscere il lavoro di servizio che i cattolici svolgono in Africa, da secoli; e per sostenere l’impegno di numerose istituzioni della Chiesa nel continente africano, che continua ad essere una delle grandi emergenze del mondo. 

Molti si sentono offesi per la mancanza di rispetto del Codice Da Vinci nei confronti della fede dei cristiani. Vorremmo invitare oggi queste persone a manifestare il loro dissenso in modo sereno e costruttivo: facendo conoscere alcune iniziative educative e di cooperazione promosse da cattolici in Africa e partecipando al loro sostegno con un contributo. Un piccolo aiuto è un gesto simbolico, ma ha allo stesso tempo un significato concreto e positivo. 

Harambee 2006 presenta quattro progetti portati avanti da cattolici in Africa, due dei quali promossi da membri dell’Opus Dei. Naturalmente, ci sono numerose altre iniziative che meritano la cooperazione di tutti. 

Informare sulle attività di solidarietà dei cattolici in Africa è un modo per far sì che la discussione pubblica provocata dal Codice Da Vinci non si limiti a una sterile polemica ma faccia scaturire un frutto positivo: la migliore conoscenza di un aspetto essenziale della Chiesa Cattolica e un aiuto concreto a persone bisognose. 

Allo stesso tempo, continuiamo a confidare nella sensibilità della Sony – Columbia, nella sua capacità di reagire in modo costruttivo. 

Non basta offrire all’offeso l’opportunità di difendersi mentre l’offesa continua a permanere. Un comportamento corretto è evitare l’offesa quando è ancora possibile. Mancano ancora tre mesi all’uscita. Pertanto nutriamo la speranza che, nell’edizione finale del film, non ci siano riferimenti che feriscano i cattolici. Sarebbe un gesto conciliatore molto apprezzato, specialmente in questi momenti in cui tutti notano le penose conseguenze dell’intolleranza. 

La Sony-Columbia è in tempo per dimostrare che la libertà d’espressione è compatibile con il rispetto delle credenze altrui; può dimostrare che il rispetto è un atto libero che nasce dalla sensibilità, e non una conseguenza della censura né di minacce. 

Prendendo una decisione conciliatrice, la Sony-Columbia farebbe un servizio alla causa del dialogo tra le culture e onorerebbe la sua tradizione.

© 2006, Ufficio Informazioni dell'Opus Dei in Internet


Per approfondimenti: 

Culturacattolica.it

Opusdei.it