La Confessione

 

Abbiamo tanto bisogno di misericordia, di perdono!

Ci commuove la guarigione del paralitico a Cafarnao (Marco 2,3­12). C'è tanta gente che riempie la casa ove si trova Gesù; non si riesce a entrare. Allora quattro uomini robusti sollevano l'ammalato di paralisi, lo depongono in un lenzuolo, lo portano sul tetto, praticano un' apertura e lo calano davanti a Gesù con meraviglia dei presenti.

Gesù prima di tutto dice all'ammalato: "Ti sono rimessi i peccati". E, soltanto dopo, lo guarisce dalla paralisi.

Siamo tutti poveri paralitici nell' anima; abbiamo bisogno del perdono. Urge per noi un èsodo, una uscita dalla schiavitù del peccato. Il nostro cuore è come un recipiente pieno di spazzatura; per prima cosa occorre vuotarlo della sporcizia ossia del peccato e poi riempirlo di

grazia di Dio, di santità.

 

Gesù ci ha donato un mezzo straordinario per ripulire il cuore e l'anima nostra: la Confessione. Ha dato ai Sacerdoti il potere di perdonare i nostri peccati apparendo ai primi Sacerdoti nel Cenacolo, nello stesso giorno della sua Resurrezione verso sera e dicendo: "Ricevete lo Spirito Santo; a chi rimetterete i peccati saranno rimessi, a chi non li rimetterete resteranno non rimessi (Giov. 20,22s.).

 

Come va fatta la confessione? Ad essa si premette l'esame di coscienza per richiamare alla mente le nostre colpe. Poi occorre un sincero dolore o pentimento. E' necessario un fermo proposito di non ritornare a peccare e di fuggire le occasioni prossime del peccato grave.

Seguirà l'accusa sincera dei peccati, almeno di quelli mortali, i quali devono essere accusati nella specie e nel numero, se non si ricorda il numero preciso è sufficiente il più approssimativo. Infine si fa la penitenza prescritta.

 

Quale sorgente di gioia la Confessione! Ci fa gustare quelle dolci parole bibliche: "Siete stati lavati, siete stati santificati... nel nome del Signore nostro Gesù Cristo e nello Spirito (I Corinzi 6,11). Hai schiodato Gesù dalla Croce! Hai incatenato satana! Hai ricevuto l'abbraccio e il perdono del Padre. Hai suscitato una grande festa in tutto il paradiso; ti sei rivestito di potenza contro il maligno; ti sei ricolmato di gioia.